Andiamo in Russia per disobbedire alle sanzioni: la nostra disobbedienza è una missione di pace

LA NOSTRA DISOBBEDIENZA È UNA MISSIONE DI PACE.
In Russia per disobbedire alle sanzioni.

31 Dicembre 2023

A fine gennaio partiremo per la Russia.

Giunti in Russia, Davide Tutino e Giuseppe Mastruzzo scambieranno i prodotti europei con quelli locali, in aperta disobbedienza alle sanzioni commerciali. Per questo atto sono previsti da 2 a 6 anni di carcere, e da 25mila a 250mila euro di ammenda.

I professori Mastruzzo e Tutino saranno accompagnati da Marzia di Sessa e Daniele Mattei, giornalisti di 9MQ, e da Don Diego Minoni, cappellano di questa missione di pace.

Occorre mettere fine a queste sanzioni, che colpiscono i popoli e rafforzano l’autoritarismo dei regimi in guerra.
Esse non sono finalizzate a costruire la pace, ma a ricostruire in seno all’Europa, tra Oriente e Occidente, un muro pagato col sangue degli ucraini e dei russi.
Perciò questa nostra disobbedienza è una missione di pace.

Occorre disobbedire a sanzioni che riducono l’Ucraina, l’Italia e l’Europa in miseria, determinando la militarizzazione del lavoro, l’asservimento dei lavoratori, e la trasformazione del Continente in una fabbrica d’armi e di soldati per le guerre a venire.
Perciò questa disobbedienza è anche una lotta sindacale, e una missione di pace.

Occorre denunciare che queste sanzioni non sono strumenti diplomatici, ma armi di guerra.
In esse si saldano gli interessi del grande capitale finanziario e dell’industria bellica.
Esse spingono alla riconversione dei paesi europei in microeconomie di guerra, spinte a sottrarre diritti ai propri popoli.

Mentre scriviamo, altri 500mila ucraini sono chiamati al fronte, e le industrie europee si convertono in fabbriche di proiettili, di carrarmati e di aerei da guerra.
L’umanità ha bisogno di imboccare la via opposta, e uscire da questa crisi del capitalismo attraverso la smilitarizzazione mondiale, e la riconversione delle spese militari in spese civili.
Perciò la nostra disobbedienza è un manifesto politico e una missione di pace.

Disobbediremo quindi alle sanzioni imposte dal blocco militare occidentale, e suggellate dalla distruzione del gasdotto North Stream 2, atto di guerra nei confronti dell’Europa rispetto al quale attendiamo ancora verità e giustizia.

Se i giudici, come loro dovere, vorranno perseguire questa disobbedienza, dovranno anche confrontarsi con l’articolo 11 della nostra Costituzione, secondo cui “l’Italia ripudia la guerra.”
Di fronte ad essa le normative attuali appaiono sproporzionate, irragionevoli, inaccettabili.

Se invece i giudici si volteranno dall’altra parte, sapremo che a queste norme non è solo giusto e necessario, ma è anche legittimo disobbedire.

Forse non oggi, forse domani, ma quando un giudice avrà finito con questo caso, dovrà occuparsi dei corrotti e corruttori, ai vertici delle istituzioni, che hanno messo l’Italia e l’Europa contro se stessa.

Davide Tutino, Giuseppe Mastruzzo, Marzia di Sessa, Don Diego Minoni.

 

Con preghiera di massima diffusione, e di sostegno all’iniziativa.

 

 

Approfondimenti e aggiornamenti sull’iniziativa

Comunicato del Comitato Diritti Umani PADOVA

Come Comitato Diritti Umani riteniamo nostro dovere sostenere forti e importanti iniziative come questa.

La resistenza nonviolenta alla dominazione, al sopruso e a ogni forma di guerra si gioca anche su questi bellissimi gesti simbolici, specie quando possono comportare rischi in prima persona per chi li compie, come in questo caso.

Massimo sostegno a Tutino, Mastruzzo, di Sessa, Minoni e al Comitato Resistenza Radicale 

Con questo messaggio, auguriamo di cuore a tutti una buona fine d’anno e un inizio luminoso!

_____________________________________________________________________

Intervista a Davide Tutino su L’Antidiplomatico: “Andiamo in Russia a vendere prodotti italiani, atto di disobbedienza civile”

A fine gennaio i docenti Davide Tutino e Giuseppe Mastruzzo partiranno per la Russia, dove scambieranno i prodotti europei con quelli locali, in aperta disobbedienza alle sanzioni commerciali. Per questo atto sono previsti da 2 a 6 anni di carcere, e da 25mila a 250mila euro di ammenda, spiegano. I professori Mastruzzo e Tutino saranno accompagnati da Marzia di Sessa, giornalista di 9Mq, e Don Diego Minoni, cappellano di questa missione di pace. Lo scopo è quello di un atto dimostrativo forte ma pacifico, allo scopo di “mettere fine a queste sanzioni, che colpiscono i popoli e rafforzano l’autoritarismo dei regimi in guerra”.

Continua a leggere l’intervista su L’Antidiplomatico

_____________________________________________________________________

Intervista a Giuseppe Mastruzzo sul canale “Un ponte Italia – Russia” : “In Russia per disobbedire alle sanzioni”

Amici, ecco l’intervista al professore Giuseppe Mastruzzo, direttore dell’International University College di Torino sul suo imminente viaggio a Mosca per disobbedire alle sanzioni occidentali e per scambiare i prodotti europei con quelli locali.
❗️Nell’intervista Mastruzzo spiega l’obiettivo del viaggio che effettuerà a fine gennaio assieme a Davide Tutino.
🗣 “Sanzioni sulle armi e non sulla mozzarella”

_____________________________________________________________________

Intervista a Ciro Silvestri su FISI News, sostegno all’iniziativa

Grazie al sindacato FISI e al suo segretario Ciro Silvestri per il sostegno all’iniziativa di disobbedienza sulle sanzioni in Russia. Al link la sua intervista: FISI NEWS 1 – 5 gennaio 2024

_____________________________________________________________________

L’iniziativa su INFORMAZIONE CATTOLICA: “Una disubbidienza di pace” di Paolo Gulisano 

Mentre l’anno si apre con una recrudescenza del conflitto russo-ucraino, col regime di Zelensky che tenta una rabbiosa e violenta reazione alla situazione militare che lo vede avviato alla sconfitta, viene annunciata una missione di pace da parte di due studiosi, una giornalista e un sacerdote. I professori Mastruzzo e Tutino saranno accompagnati da Marzia Di Sessa, giornalista di 9MQ, Daniele Mattei e Don Diego Minoni, cappellano di questa missione di pace.

Continua a leggere l’articolo: “Una disubbidienza di pace” di Paolo Gulisano